Home Page » Amministrazione » Fatturazione elettronica

Fatturazione elettronica

I fornitori che cedono beni o prestano servizi nei confronti di una Pubblica Amministrazione sono obbligati ad emettere esclusivamente Fatture Elettroniche in formato XML (eXtensible Markup Language), secondo le specifiche tecniche reperibili sul sito www.fatturapa.gov.it
L’obbligo si applica anche agli Enti che emettono fatture nei confronti di altre Pubbliche Amministrazioni.
(D.L. n.66 del 24 aprile 2014 e Legge n. 244 del 24 dicembre 2007)

Fatture cartacee non potranno essere pagate e verranno rifiutate dal Comune con invio di raccomandata o PEC in quanto costituiscono violazione di legge.

Il comune di Carmignano è composto da 5 uffici atti alla ricezione delle fatture a loro competenti.

A seguire i codici che i fornitori dovranno utilizzare per l’emissione della fattura:

  • Settore 2 (Servizi finanziari e Personale)
  • Settore 3 (Servizi di vigilanza)
  • Settore 4 (Innovazione e Servizi demografici)

Codice Univoco ufficio: UFBYVP   
Nome dell'ufficio: Uff_eFatturaPA
 

  • Settore 1 (Segreteria, Affari Generali, Attività Produttive, Agricoltura, Agricoltura, Lavoro)

Codice Univoco ufficio: YB4KKB 
Nome dell'ufficio: Uff_settore1

  • Settore 5 (Programmazione del Territorio, Ambiente, Edilizia e Lavori Pubblici)

Codice Univoco ufficio: 3X6TCW 
Nome dell'ufficio: Uff_settore5

  • Settore 6 (Cultura, Turismo, Comunicazione, Sport, Politiche Giovanili, Pari Opportunità)

Codice Univoco ufficio: 1Q6ROH
Nome dell'ufficio: uff_settore6

  • Settore 7 (Istruzione, Formazione, Trasporti e Servizi Sociali)

Codice Univoco ufficio: J6R29R 
Nome dell'ufficio: Uff_settore7


Al fine di rendere più facilmente processabile ciascuna fattura si raccomanda ai fornitori di riportare nei documenti contabili anche i seguenti dati:

  • codici CIG e/o CUP se previsti dalla normativa
  • estremi della determinazione dirigenziale con la quale è stata commissionata la prestazione/fornitura
  • estremi dell'impegno di spesa e del capitolo di bilancio

La mancanza o l’inesattezza di CIG e CUP, laddove previsti per legge, è causa di rifiuto della fattura, posto che l’art.25 del D.L. n.66/2014 che espressamente vieta di pagare fatture sprovviste di tali codici.

 

Condividi